Il mio mare   1 comment

Il mare fa parte della mia vita. Da bambina lo osservavo e ne ero affascinata, soprattutto quando era in burrasca. Guardavo rapita i cavalloni, alti, neri, con la cresta bianca spumeggiante, il loro frangersi sulla rena, con violenza, all’istante  il risucchio dell’onda e quel fragore assordante! Tutto questo mi atterriva ma nel contempo mi affascinava per la sua furia e bellezza incredibile!

Definisco “il mio mare” il mar Tirreno e quello Ligure perché fin da quando ero piccola erano e sono nei miei sogni. Lo riconosco dal colore dell’acqua, verde turchese  trasparente , dal paesaggio che lo circonda, con la costa frastagliata che si inerpica rapidamente verso le montagne e le pinete che arrivano fino alla spiaggia.

Mi sono chiesta spesso il motivo per cui sogno il mar  Ligure, visto che ho vissuto la mia infanzia in Versilia. Suppongo sia per il fatto che dal molo di Viareggio si vede il promontorio del golfo de La Spezia. Specie nelle giornate limpide, al tramonto, potevo ammirare all’orizzonte il sole che spariva nel mare tuffandosi dietro il promontorio in un’esplosione di colori!

Chi lo sa, forse il fatto che ho sempre sognato il mare dipende anche da un evento molto particolare. Allora… Inizio col dire che sono stata concepita in una gabina. Ricordo lo sguardo sornione di papà quando rivolgendosi alla mamma, diceva: Ti ricordi Adriana il Bagno Ubaldo?

Eh, sì! ribatteva lei ridendo L’Annamaria l’abbiamo voluta, è per questo che è venuta bene. Ha perfino gli occhi celesti come il mare!

Sapevano benissimo che il colore degli occhi non dipende da dove uno è stato concepito, ma loro volevano così colorire di più il racconto. Sono grata ai miei genitori per avermi resa partecipe delle loro emozioni.Questo bell’episodio ha contribuito a rallegrarmi la vita.

Dimenticavo! Mia sorella Maria Rita recentemente mi ha telefonato per dirmi che, per caso, aveva trovato il famoso Bagno Ubaldo. Si trova al confine tra Viareggio e Lido di Camaiore. Sicuramente il prossimo viaggio che farò in Versilia, andrò a vederlo. Di certo non sarà più com’era nel lontano luglio del 1943, però mi incuriosisce lo stesso andare a vedere questo posto per me significativo.

Il  mare è magico, mi piace la sua musica. Sia che suoni forte agitato, che suoni lieve, quando è appena increspato, o dolce, quando è calmo e si percepisce solo il fruscio della risacca, in qualsiasi modo esso si proponga mi tocca, mi dà sempre delle emozioni.

Ammirandolo anche qui a Senigallia, mi dà un senso di pace, di apertura, di evasione. Osservandolo in lontananza  all’orizzonte dove si scorge la riga che sembra delimiti cielo e mare, si riesce a notare benissimo la rotondità della terra, è fantastico! Insomma, ogni volta mi si allarga il cuore.

 

Annunci

Pubblicato 20 novembre 2011 da Anna Maria Berni in Uncategorized

Una risposta a “Il mio mare

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. La mia mamma giovane…… ci voleva l’Annamaria per farmela vedere!!!! Non sai che gioia mi regali ogni volta che pubbliche foto come queste!!!
    Un bacione!!!

    Giuseppe Provvidenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: